Manuale Istruzioni (regole) Gioco Risiko! Classico

Compra online il gioco Risiko!

D There is also some evidence that pornography can be used to treat voyeurism. As of 2010, they were reported to live together as a monogamous couple outside of their porn careers and want to continue working together for another 50 years. To tea bag is a slang term for the sexual act of a man placing his scrotum in the mouth of a willing sexual partner for pleasure or onto the face or head of another person. The terms can be complimentary or pejorative. The effect is to give the viewer the sense that they are experiencing the sex acts that they are watching, as opposed to simply watching others as a voyeur. As with most forms of sexual activity, anal sex participants risk contracting sexually transmitted infections . Fisting may be performed with or without a partner. High heel pornography involves women or men dressed in high heeled shoes. After the prerequisite level of sexual stimulation has been achieved, and ejaculation becomes imminent, the male will position his penis so that the semen discharged will be deposited onto his partner face. Softcore pornography generally contains nudity or partial nudity in sexually suggestive situations, but without explicit sexual activity, sexual penetration or extreme fetishism, while hardcore pornography may contain graphic sexual activity and visible penetration, including unsimulated sex scenes. Erotic literature and pornographic films have been devoted to the sexual uses of glory holes. Interracial pornography typically employs ethnic and racial stereotypes in its depiction of performers and many of interracial pornographic films still include racial stereotypes, although the segregation of actors by race has diminished considerably. See ed pills Gay-for-pay. POV pornography involves camera angles designed to provide the viewer a view similar to that seen by one of the participants, whose face is never shown. Masturbation has been depicted in art since prehistoric times and is mentioned and discussed in very early writings. The surfacing of sex tapes has become so common that some are leaked as a marketing tool to advance or establish a media career. a 3 a 6 giocatori
Età: da 14 anni in su

Scopo del gioco
Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto.

Componenti
Un piano di gioco, rappresentante un planisfero suddiviso in 42 territori, appartenenti ai 6 continenti. 6 eserciti di diverso colore, costituiti da piccoli carri armati (ciascuno rappresentante un'armata), 3 dadi blu e 3 dadi rossi.
Un mazzo di carte "Territori" così suddiviso:
42 carte raffiguranti ciascuna uno dei territori presenti sulla plancia di gioco e il simbolo di una delle tre armi dell'esercito (fante, cavallo, cannone).
2 carte "Jolly" distinguibili dalle altre per la presenza dei simboli di tutte le armi e l'assenza della mappa.

Un mazzo di carte "Obiettivi", indicanti gli obiettivi segreti che i giocatori dovranno tentare di raggiungere.

Preparazione (gioco base)

  • Per prima cosa, separate i due mazzi di carte.
  • Ogni giocatore lancia un dado e chi ottiene il punteggio più alto giocherà per primo, gli altri seguiranno in senso orario. In caso di parità, i giocatori che hanno ottenuto lo stesso punteggio ripeteranno il tiro.
  • Partendo dal primo, i giocatori scelgono a turno il colore dell'esercito che utilizzeranno durante il gioco.
  • Chi ha vinto il lancio dei dadi, diventa il "Mazziere" e si occupa di distribuire, coperta, una carta "Obiettivo" ad ogni giocatore, dopo aver accuratamente mischiato il mazzo. Le carte rimanenti devono essere collocate nella scatola.
  • Sempre il mazziere prende il mazzo dei "Territori", toglie le due carte "Jolly", mischia accuratamente le 42 carte rimaste e poi le distribuisce una alla volta, partendo dal giocatore alla propria destra e proseguendo in senso antiorario, fino all'esaurimento delle carte. Notate che il senso di distribuzione delle carte è inverso rispetto a quello di gioco. Questa regola serve a bilanciare il vantaggio che i primi di mano possono avere in determinate situazioni.
  • Queste carte indicano i territori in possesso dei giocatori all'inizio della partita, territori che ciascuno deve ora occupare con le proprie armate.
  • Ogni giocatore dispone di una dotazione iniziale così composta: 35 armate se si gioca in 3 30 armate se si gioca in 4 25 armate se si gioca in 5 20 armate se si gioca in 6
  • I giocatori collocano una delle armate della dotazione iniziale su ogni territorio in loro possesso poi, partendo dal primo e proseguendo in senso orario, ciascuno a turno prende 3 armate, sempre dalla propria dotazione iniziale, e le colloca sulla plancia a rafforzare i propri territori.
  • Quest'operazione è ripetuta fino all'esaurimento della dotazione iniziale di ogni giocatore, di conseguenza durante l'ultimo giro potranno essere disposte meno di 3 armate.
  • Conclusa quest'operazione, il mazziere riprende le carte dai giocatori, vi aggiunge i due "Jolly", mischia il mazzo così formato e lo colloca coperto a portata di mano.
  • A questo punto la fase preliminare è completata. Il giocatore primo di turno inizia il gioco.

Come si gioca
Il turno di ogni giocatore si suddivide in 3 fasi.

Prima fase: rinforzi
a) Ogni giocatore, al proprio turno (compreso il primo), prende tante armate del proprio colore quanti sono i territori da lui occupati sulla plancia divisi per 3 (arrotondando per difetto).
Esempio: il giocatore di turno occupa 14 territori, quindi ha diritto a 4 armate (14:3 = 4,6 arrotondando per difetto si ottiene 4).

b) Se il giocatore occupa tutti i territori di uno o più continenti, ha diritto (ad ogni turno) ad un certo numero di armate supplementari, secondo quanto riportato nella seguente tabella (riprodotta an-che sulla plancia di gioco):

Australia (Oceania): 2 armate
Sud America: 2 armate
Africa. 3 armate
Europa: 5 armate
Nord America: 5 armate
Asia: 7 armate

c) Se il giocatore possiede uno dei "Tris" di carte indicato in seguito, può giocarlo e prendere ulte-riori rinforzi. Le regole riguardanti l'acquisizione di queste carte sono spiegate nel paragrafo ri-guardante i combattimenti.
Tris validi e loro valore in armate
3 cannoni: 4 armate
3 fanti: 6 armate
3 cavalieri: 8 armate
un fante, un cannone e un cavaliere: 10 armate
un "Jolly" più due carte uguali: 12 armate

Inoltre, se il giocatore possiede nella combinazione carte raffiguranti territori da lui occupati in quel momento, riceve 2 armate in più per ciascuna di queste carte.

Le carte giocate per ottenere rinforzi si scartano e, quando il mazzo si esaurisce, il mazziere dovrà mescolare tutte le carte precedentemente utilizzate per formare un nuovo mazzo da cui pescare.

Le armate supplementari ottenute in questa fase possono essere collocate sui territori occupati dal giocatore di turno senza alcuna limitazione di numero, purché siano tutte collocate prima di iniziare la fase dei combattimenti.

Seconda fase: i combattimenti
Quando i rinforzi sono stati collocati, il giocatore di turno può sferrare i propri attacchi. Il giocatore considera la sua posizione, la forza dei suoi confinanti, il proprio obiettivo segreto e decide se e contro chi effettuare uno o più attacchi.

LO SCOPO DI UN ATTACCO E' L'ELIMINAZIONE DELLE ARMATE NEMICHE DAI TERRITORI CONFINANTI PER CONSENTIRE ALLE PROPRIE ARMATE L'OCCUPAZIONE DEI TERRITORI AVVERSARI.

l giocatore non è obbligato ad attaccare ad ogni turno di gioco, ha però l'obbligo di lasciare sempre almeno un'armata di presidio su ogni territorio in suo possesso. In altre parole, non può attaccare partendo da un territorio presidiato da una sola armata.

Esistono due modi per attaccare un territorio avversario:

a) Via terra: se il territorio da cui si sferra l'attacco è confinante con quello avversario:

b) Via mare: Seguendo la linea tratteggiata che unisce, via mare, i due territori (quello da cui parte l'attacco e quello attaccato). Poiché la plancia rappresenta un planisfero, è possibile attaccare dall'Alaska la Kamchatka e viceversa.

Chi attacca tira i dadi rossi
Chi si difende tira i dadi blu

I combattimenti si svolgono in questo modo: l'attaccante comunica ad alta voce il nome del territorio attaccato e quello da cui parte l'attacco. Se omette di fare questo annuncio, il difensore può chiedere la ripetizione del lancio dei dadi. L'attaccante tira tanti dadi quante sono le armate con cui ha deciso di attaccare (massimo 3).
Esempio: un attaccante possiede 10 armate su un territorio e attacca con 3 armate, lanciando 3 dadi, ma se lo avesse desiderato, avrebbe potuto anche attaccare solo con una o due, lanciando un corrispondente numero di dadi.

Il difensore, a sua volta, può lanciare un massimo di 3 dadi, anche se possiede più di 3 armate in difesa del territorio attaccato. Il difensore deve tuttavia dichiarare con quante armate intende com-battere prima che l'attaccante abbia lanciato i dadi.

Quando i due giocatori hanno lanciato i dadi, si confrontano i punteggi ottenuti in base al seguente criterio: il dado con il punteggio più alto ottenuto dall'attaccante si confronta con il punteggio più alto del difensore.

Esempi di lancio dei dadi

Attacco3
Difesa3
5, 4, 4 2, 6, 4 Vincono:
6 su 5
4 su 4
4 su 2
Attacco3
Difesa2
2, 6, 1 2, 5 Vincono:
6 su 5
2 su 2

Se è maggiore il punteggio dell'attaccante, il difensore dovrà togliere dal territorio attaccato una delle sue armate (riponendola fra quelle in dotazione). In caso contrario, sarà l'attaccante a dover ritirare una delle sue armate dal territorio dal quale ha sferrato l'attacco. In caso di pareggio vince sempre il difensore.

Se entrambi hanno lanciato più di un dado si confronta il secondo punteggio più alto dell'attaccante con il secondo punteggio più alto del difensore seguendo la stessa procedura. Se entrambi hanno lanciato 3 dadi, si confronta anche il terzo punteggio più alto dell'attaccante con il terzo punteggio più alto del difensore seguendo la stessa procedura.

I punteggi non si sommano mai, si confrontano in ordine di grandezza.

'attaccante può continuare il combattimento e rinnovare la sfida all'avversario per tutte le volte che vuole, sino alla distruzione delle armate avversarie situate sul territorio di suo interesse, oppure decidere di sospendere l'attacco. Il giocatore di turno può sferrare tutti gli attacchi che vuole, da un solo territorio o anche da altri in suo possesso, fino a che è in grado di conservare sui territori da cui vuol fare partire l'attacco almeno due armate.

Quando l'attaccante distrugge tutte le armate su un territorio nemico, deve occuparlo con le armate che hanno partecipato all'ultima battaglia (cioè l'ultimo lancio di dadi).

Se lo desidera, però, può trasportare, partendo dal territorio da cui ha sferrato l'attacco, tutte le armate che vuole. Inoltre, può utilizzare il territorio conquistato come base per un ulteriore attacco.

Alla fine del proprio turno, ogni giocatore, se ha conquistato uno o più territorio, pesca una (una sola) carta dal mazzo.

Non esiste alcun ordine prestabilito per sferrare gli attacchi, quindi il giocatore di turno può sfidare, una o più volte, tutti i suoi avversari.

Il turno si esaurisce quando:
1) il giocatore di turno decide di sospendere i suoi attacchi ed eventualmente trarre vantaggio dalle mosse degli altri giocatori che possono determinare condizioni favorevoli anche per lui.
2) il giocatore di turno non è più in condizione di sferrare alcun attacco avendo tutti i territori presidiati da una sola armata.

Terza fase: spostamento strategico
Al proprio turno, ogni giocatore può, che abbia o meno sferrato un attacco, spostare una parte o tutte le sue armate da un territorio ad un altro contiguo, che gli appartiene. Può fare un solo spostamento strategico a sua scelta (ad ogni turno) e deve sempre lasciare almeno un'armata sul ter-ritorio da cui si è spostato. Nel momento in cui, il giocatore decide di compiere lo spostamento strategico, non può più effettuare attacchi e il suo turno si considera concluso.

Eliminazione di un giocatore
Quando l'attaccante distrugge l'ultima armata dell'ultimo territorio di un avversario, si impadronisce anche delle sue carte. Il perdente è allora definitivamente eliminato dalla partita. Questo evento drammatico (per il perdente) non può avvenire prima della fine del quarto turno di gioco.

Gli obiettivi segreti
Nel momento in cui un giocatore ha raggiunto l'obiettivo segreto indicato sulla carta in suo possesso, la partita si conclude con la sua vittoria.

Manuale Istruzioni (regole) Gioco Risiko! Classico


Il tuo Punteggio
Loggati per vedere il tuo punteggio!
Cerca
Ci sono
 38 visitatori online